Però di Prato Sesia (NO)


Giornata dedicata a due giovani imprenditori vitivinicoli del Nord Piemonte, Cristiano Garella (ex amministratore delle Tenute Sella) che in mattinata ci ha presentato i suoi nuovi progetti e Silvia Barbaglia, alle prese con nuovi impianti e le barbatelle germogliate. Il primo che ci ha accompagnati nelle suggestive sale dell'agriturismo La Prevostura, con vista sulle giovani vigne già in produzione, dove abbiamo avuto modo di provare le etichette di questa giovane realtà, oltre a quelle dell'ambizioso progetto Le Pianelle, con nomi illustri del mondo del vino, e i gradevolissimi e più immediati vini di Colombera e Garella. La seconda a capo dell'azienda Antico Borgo Dei Cavalli, coadiuvata dal padre e dalla famiglia intera, in grado di proporre una gamma più che completa di etichette di assoluto valore, da rividere graficamente, ma godibilissime.

Ma sarebbe stato improbabile vivere una giornata come questa senza una tappa golosa, così recupero un bigliettino da visita donatomi anni or sono da Paride Iaretti, viticoltore in quel di Gattinara, e prenoto presso il ristorante Però.


Sorprende fin da subito la copiosa affluenza alle 13 di un normale mercoledì di marzo, tenendo conto della mancanza di un menu di colazione di lavoro, ciò ci fa piacere ed immaginiamo che un motivo ci sarà.

Il motivo primario probabilmente è l'affabilità di chi ci serve, una simpaticissima padrona di casa che ci fornirà anche qualche consiglio enoico, tipo questo:


La Passerina 2012 Cantine Offida è il perfetto vino bianco estivo, fresco, sapidissimo, dall'ottima acidità, da sorseggiare senza pensieri.

Torniamo per un attimo al menu che prevede antipasti e primi a 13 euro e secondi sui 19/20 euro.

Puntiamo su un antipasto a testa con il pensiero di condividerlo, da qui l'idea dell'impiattamento con due assaggi che abbiamo apprezzato. La capasanta rosolata con foie gras su passata di pere e zenzero gioca sulle note dolci dei primi due ingredienti che si legano con l'acidità viva ed inaspettata della passata. Le sarde al pane profumato con puntarelle e melograno sono state perfettamente fritte, risultano fragranti e dotate di quella giusta freschezza del croccante vegetale, l'unico appunto di potrebbe fare sulla panatura che toglie il ruolo principale al povero ma nobilissimo pesce azzurro.


Passiamo ai primi ed al loro stampo sicuramente più casereccio rispetto a quel che mi sarei aspettato. Di gusto quindi le pappardelle con capesante, radicchio tardivo, pancetta e rosmarino, più anonimi gli strascinati con crocchette di baccalà, piselli e lime ai quali manca una salsa che leghi il tutto (ammetto di averli chiesti espressamente in bianco, sarà mica mancato proprio il pomodoro ciliegino appassito?).



Convinco il fedele Sebastiano ad ordinare il dolce, il classico tortino di cioccolato con cuore caldo è ormai un must, lo strudel con gelato fiordilatte è ben realizzato e ha buona acidità, e necessiterebbe soltanto di una cottura leggermente più prolungata, e nota caramellata annessa,  per raggiungere un risultato ottimale.



I numeri e la qualità per avere successo ci sono e la gente del posto, e del circondario, se ne è accorta. Nonostante si dica che quando le cose funzionano sia meglio non cambiare, miglioramenti possibili ce ne sarebbero da fare ma nonostante questo mi sento di consigliarlo fin da adesso.

Luca Formenti

Ristorante Però
Via De Amicis, 10
28077 Prato Sesia (NO)
Tel. +39 335 5207623
Email: ristorantepero@yahoo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Pizzeria Montegrigna by Tric Trac di Legnano (MI)

BruciaBarrique di Gallarate (VA) Ci voleva tanto?