Post

SaN CaRlo dI ChIuRo (SO)

Immagine
Capita, di tanto in tanto, di dare un occhio a quel Tripadvisor tanto maltrattato. Capita di cercare, attraverso le foto - e meno tramite i racconti - di capire le potenzialità di un locale o l'avvenenza gastronomica di un piatto. Capita quindi di farsi attirare da delle immagini di pizzoccheri fumanti e da un ambiente rimasto invariato nel tempo.

CaRtoLiNe de "Il PorTiCo" (di LopRioRe) - ApPiaNo GeNtiLe (CO)

Immagine
Quando si perde l'ispirazione del momento si rischia di proporre un visione opaca del proprio racconto e di non essere più in grado di dare un buon servizio. Succede così che la recensione del locale il Portico di Appiano Gentile andrà in onda in forma ridotta, con sole immagini, per dare giusto un'idea di ciò che ci è stato servito e per evitare che questi - seppur modesti - scatti rimangano nella mia memoria esterna e mai condivisi.
Appetizer

Fivi 2016 - Assaggi

Immagine
Ed eccoci qui, anche quest'anno al mercato dei vignaioli indipendenti. Sempre più punto di riferimento tra le fiere per appassionati del buon bere. Capace di raggiungere il traguardo dei 9000 ingressi, un numero quasi prevedibile dando un occhio alla coda alle biglietterie a pochi minuti all'apertura del sabato. Convince ogni anno per l'ampia scelta di artigiani del vino, per gli spazi dedicati alla degustazione e l'aria di festa che si respira.
Poche ahimè le novità assaggiate in questo veloce passaggio, alcune però davvero curiose e di sicuro interesse per il futuro.
Costa Archi Linea di prodotti da matita rossa, da qualche tempo non sentivo i vini di Gabriele Succi. Grandissimo sangiovese di Romagna, Assiolo '14 beverino, Monte brullo '12 coinvolgente e Gs '13 vino di gran prospettiva. Filo conduttore mineral/acido come piace a me. Scorta fatta. Prezzi 10, 15 e 25 franco cantina.

Marta Valpiani Porto a casa con piacere il Marta Valpiani bianco 2015 da uve…

Il frate di Como

Immagine
Una cena invernale un po' così, senza grandi pretese, ma con la voglia di una cucina essenziale, tradizionale e magari di un vino in grazia di Dio, come si suol dire.
Il Frate riassume solitamente tutto questo, piatti di sostanza, un menu vario che strizza l'occhio alla tradizione comasco-milanese e una proposta fuori menu con funghi e selvaggina, da sempre tipicità del locale.

L'osteria di Nerito Walter di Cantello (VA)

Immagine
Sarà che gli anni passano e si diventa più buoni, sarà che nel commentare il lavoro altrui (soprattutto un lavoro duro come quello del ristoratore) bisogna tener conto dello sforzo protratto per anni tra sala e cucina, sarà che ricredersi è così bello, sarà quel che sarà ma sono tornato da Nerito Walter nonostante una brutta esperienza di qualche anno fa.

Quella volta si giunse appositamente durante un pranzo feriale per testare una della poche tavole varesine recensite dalla guida Osterie d'Italia, sicuri di trovare piatti schietti e genuini, rimanendone ahimè delusi, vista la proposta piuttosto risicata e confusa che non invogliò nessuno della compagnia a tornarci di lì a poco.

Agriturismo Federia di Livigno (Val Federia)

Immagine
Avrei davvero evitato di recensire un locale posto a più di 2000 metri, avrei evitato di far foto (infatti le ha fatte l'amico Davide Bianchi), di provare più e più piatti, ma se tutto sommato ci si trova a mangiare più che dignitosamente, a godere dopo pranzo di un magnifico sole settembrino, di comode sdraio, di musica dal vivo, di aria di festa, di una fresca brezza che soffia di tanto in tanto...perché non raccontare agli amici una giornata così?

Gita in Valle d'Aosta

Immagine
Come ogni anno la scorta personale di vini delle denominazioni Carema e Donnas mi porta al confine tra Valle d'Aosta e Piemonte, rispettivamente un po' al di qua e un po' al di là della linea che divide le due regioni.


E, come spesso capita, non riesco ad accontentarmi di un veloce passaggio ma mi faccio prendere la mano, quest'anno ancor più del solito. Se le volte scorse ho raccontato la storia di La Vrille e poi della trattoria Omens ecco che in questa occasione avrò il piacere di presentarvi qualche novità (almeno per me).
Lo zampino - fondamentale - è stato quello di Fabrizio Gallino, Enofaber per gli internauti, che ringrazio per i preziosi consigli enoculinari,  e un po' per condividere con lui le responsabilità del mio post :D
Partiamo dalla visita a Didier Gerbelle ad Aymavilles. Giovane e capace, Didier è un one man show in grado di condurre con ottimi risultati l'azienda inizialmente in mano al nonno.