Non prendiamoci troppo sul serio

Una passione che ci unisce da qualche annetto e che ci ha fatto girare per ristoranti alla ricerca di una convivialità perduta. Amanti del mangiar bene, non a tutti costi "alto", ci troviamo a scrivere le nostre impressioni su quei locali che ci hanno lasciato qualcosa, ci hanno incuriosito, coccolato...tutti con un fattore in comune, la genuinità...

domenica 23 agosto 2015

Trebbiolo Rosso (Fermo) 2013 - Azienda La Stoppa


Dopo questa calda estate all'insegna di un discreto numero di birre weiss e di bollicine non troppo impegnative, le prime giornate fresche mi hanno convinto a stappare finalmente una bottiglia di rosso. 
Non potevo partire con un'etichetta dal dubbio risultato così ho optato per questo Trebbiolo in versione ferma (c'è anche quella frizzante), già ampiamente apprezzato nel millesimo 2012 ed ora qui in versione 2013.
Mi piacerebbe star qui a raccontarlo nei suoi particolari, ma questo è un vino che si fa semplicemente bere, quella sua vena succosa ed ancora vinosa, l'acidità viva della barbera, quel corpo in buon equilibrio e una componente speziata, ne fanno un compagno ideale per ogni pasto.
Solo acciaio, macerazione sulle bucce di 20 giorni con soli lieviti indigeni, barbera e bonarda rispettivamente al 60 ed al 40%, il rosso di Elena Pantaleoni non potrà deludervi.
In rete si trovo a poco meno di 10 euro qui.

La Stoppa 
Rivergano (PC)
Tel. +39 0523 958159

lunedì 15 giugno 2015

Agriturismo La Vrille di Verrayes (AO)


Ci sono ristoranti che portano con sé qualcosa di speciale, che permettono non solo di appagare i sensi ma anche di fare un viaggio attraverso racconti e storie di vita vissuta. 
A la Vrille il tempo sembra essersi fermato, la piccola ma accogliente sala è scaldata da una stufa a legna, nessuna musica in sottofondo ma un gran silenzio tra gli ospiti, tutti in attesa di Luciana, la cuoca, questa sera eccezionalmente in veste di chef e maitresse.

domenica 14 giugno 2015

Carema Riserva 2009 Produttori di Carema


Nella cantina di ogni appassionato ci sono etichette che garantiscono soddisfazione e di cui si sente la necessità durante quei periodi in cui si anellano assaggi tristi su assaggi tristi. La Riserva dei Produttori di Carema per me è una di queste.

Produzione irrisoria quella della denominazione, viticultura eroica su terrazzamenti e pergolati sorretti da suggestivi pilastrini (pilun) in pietra e calce che danno un'inconfondibile nota al paesaggio alpino, ma che hanno altresì la funzione di accumulare calore e di mantenere una temperatura ottimale anche durante le ore notturne (fonte: http://www.enotecaregionaledicaluso.it/aziende_vinicole/canavese/produttori_nebiolocarema.htm).


Solo nebbiolo (di montagna) in questa riserva, botte grande per minimo 36 mesi, prezzo perfettamente centrato, cosa volere di più? 
In questa 2009 il colore che fu rubino all'uscita ha lasciato spazio al granato mantenendo del primo solo qualche riflesso, perfetta la corrispondenza tra naso e palato dove le note di frutti rossi legano con quelle di sottobosco, facendoti immergere in quei sentori tipici di una passeggiata autunnale, non senza qualche sbuffo di torrefazione. In bocca ha un bellissimo grip, nota minerale che invita a berne a sorsi generosi, la bottiglia si svuota con una facilità rara, il primo segno di una buona riuscita.

Ora in commercio, ancora per poco la 2010, altra storia, ci sarà modo di raccontarla.

Vino del cuore.

Luca Formenti

Dove comprarla in rete: 

Cantina dei produttori di Nebbiolo di Carema
Società Cooperativa
Via Nazionale, 32
10010 Carema (TO)
Tel. +39 0125811160

lunedì 8 giugno 2015

"Io bevo così" - Villa Sommi Picenardi


Luca Dell’Orto (Hotel ristorante San Gerolamo), Andrea Pesce (Vini e Più...Posteria e Caffè di Cantù) ed Andrea Sala (That’s Wine - distribuzione vini naturali, biologici e biodinamici) sono gli organizzatori di questo evento giunto alla seconda edizione.

Il cambio di sede ha fatto fare un ulteriore salto di qualità, passando dal suggestivo Monastero del Lavello all'imponente Villa Sommi Picenardi, location perfetta per spazi, classe, amenità e, non di minor conto, temperatura ottimale delle sale.

Impossibile provare tutte le circa 400 etichette presenti alla kermesse (nonostante il nostro grande impegno), tra quelle degustate le sorprese non sono mancate, ecco quindi qualche consiglio per l'acquisto. 

sabato 25 ottobre 2014

La Cantina di Cerreto di Spoleto (PG)


Ricetta di una giornata allegra per 4 persone: prendete 4 amici gourmet, una gita fuori porta, date retta ad un consiglio di due dei quattro amici che vanno in questo locale per 'rifarsi la bocca', un pizzico di pazienza per la strada non proprio comodissima e un locale che in quanto ad ospitalità, cucina e vini non ha assolutamente nulla da invidiare ai ristoranti blasonati.

Il risultato sarà la Cantina di Cerreto di Spoleto, a metà strada fra Spoleto e Norcia, alle porte dei magnifici monti Sibillini.


lunedì 20 ottobre 2014

La maison du Seigneur di La Salle (AO)


Santo, Santissimo Booking! Come abbiamo fatto per anni e anni senza questo prezioso sito? Per chi come noi ama fare gite fuori porta in periodi di bassa stagione, torna sempre molto utile per scoprire piccole realtà dal rapporto qualità/prezzo/ospitalità unico.

Tre stanze, una simpatica famiglia, delle vecchie carceri del 1500 in pietra e legno ristrutturate ed offerte ai villeggianti dall'agosto scorso sotto forma di B&b, ad ottimi prezzi, tutto questo è la Maison du Seigneur.

mercoledì 8 ottobre 2014

More e Macine di La Morra


Ganassino ti amo! Non ne conosco i motivi ma quando ti scorgo tra le voci del menu devi essere mio. Sarà la tua succulenza, sarà la goduria che fai sprigionare in me ad ogni boccone, sarà che nessuno ti tratta in egual maniera ed ogni volta l'approccio con le tue carni è una piacevole scoperta, sarà che sei davvero "porco" pur essendo di vitello, sei adorabile.