Valtellina Eroica


Valtolina come detto valle circumdata d'alti terribili monti. Fa vini potentissimi e assai… ”

Con queste parole di Leonardo nel Codice Atlantico, inizia il nostro viaggio alla scoperta dei vini della Valtellina. Parte con questa meravigliosa Valle – l’aggettivo esce spontaneo dopo aver percorso in auto la strada panoramica che da Montagna sale alla chiesa di Sant’Antonio e al Castello del Grumello – la mia avventura su questo “taccuino” alla ricerca del vino buono, bello e vero.

Mettiamoci in marcia.


Prima però, una doverosa premessa di metodo che ci accompagnerà in ogni tappa: lasciar cadere ogni pre-giudizio e ogni ingenuo ossequio legati al nome di un’etichetta particolare e conosciuta, facendo spazio all’umiltà nell’approccio ai frutti della terra e al sapiente e duro lavoro dell’uomo. Nessuno sfoggio intellettuale di improbabili termini per descrivere altrettanto improbabili profumi, mi ha sempre infastidito. La tecnica della degustazione non va esibita, ma va conosciuta e fatta propria lasciando largo spazio a quello che il vino ci racconta in termini di relazione, cultura, tradizione e storia degli uomini di quel territorio vocato.

Pronti..partenza..via!

Zaino in spalla e bicchiere in mano. Vallis Tellina, valle di Teglio, antico insediamento romano, valle aspra, 1200 km di muretti a secco per terrazzare i pendii esposti al sole, terrazzamenti al limite dell’impossibile, sole che scotta le pietre che da secoli segnalano l’esistenza di una realtà vitivinicola al di fuori di ogni schema: un sesto d'impianto con una distanza media tra i filari di 150 cm e tra le viti di 140 cm, sistema tradizionale a ritocchino in linea di massima pendenza.

Dove: i 13 vini che presenterò fanno parte di un percorso partito in nella sala di degustazione di un futuro centro enogastronomico di eccellenza (l’inaugurazione avverrà il 7 ottobre), Enolora, situato proprio nel cuore della Valtellina enoica: Chiuro. Sono sicuro che sentiremo parlare molto spesso di Beppe (sommelier professionista), e di questa sua stupenda creatura. Percorso poi concluso presso il Ristorante Altavilla di Bianzone, guidati da Anna (sommelier professionista), straordinaria padrona di casa. Maestro indiscutibile e guida di altissimo livello, nostro Virgilio in terra retica, Natale Contini.

Come: calici pensati sui singoli vini; per le eccellenze solo wine glasses by Riedel. Scheda valutativa AIS e degustazione in chiaro su supporti bianchi e nessun neon nell’illuminazione di entrambi i locali.


Chi: ecco i 13 campioni del tour.

  1. Spumante Metodo Classico Brut Rosè 2007 – Rainoldi
  2. Terrazze Retiche di Sondrio IGT Tzapel 2010 – Rainoldi
  3. Terrazze Retiche di Sondrio IGT Nebbiolo 2009 – Fay
  4. Rosso di Valtellina DOC 2009 – Ar.Pe.Pe.
  5. Valtellina Superiore DOCG Grumello 2007 – Rainoldi
  6. Valtellina Superiore DOCG 2006 - Le Strie
  7. Valtellina Superiore DOCG Sassella Il Glicine 2007 - Fay
  8. Valtellina Superiore DOCG 2007 - Dirupi
  9. Terrazze Retiche di Sondrio IGT Saloncello 2009 – Conti Sertoli Salis
  10. Valtellina Superiore DOCG Valgella Ca’ Morei 2007 – Fay
  11. Valtellina Superiore DOCG Grumello Riserva 1997 – Pelizzatti
  12. Sfursat di Valtellina DOCG 2008 – Rainoldi
  13. Sforzato di Valtellina DOCG Ronco del Picchio 2006 – Fay


(fine prima parte)

Commenti

Post popolari in questo blog

Pizzeria Montegrigna by Tric Trac di Legnano (MI)

Love Eat di Castellanza (VA)

BruciaBarrique di Gallarate (VA) Ci voleva tanto?

Ristorante Alusea a Silvi Marina (TE)

La Cucina del Toro di Milano